Passa al contenuto principale

Cosa fare

Dieci interventi per la riduzione dell’impronta ecologica del Qatar in vista della FIFA World Cup™

La sostenibilità è al centro dei preparativi per la FIFA World Cup 2022™, nell’ambito della quale il Qatar ha l’ambizioso obiettivo di organizzare il primo evento a impronta di carbonio zero della storia del torneo.

Ecco dieci modi in cui il Qatar sta riducendo la propria impronta di carbonio nell’organizzazione della prima FIFA World Cup™ del Medio Oriente e del mondo arabo.

1. Area del torneo ridotta

La coppa del mondo Qatar 2022 sarà la più compatta FIFA World Cup™ della storia moderna. Gli otto stadi in cui si svolgerà sono tra loro vicini, la distanza maggiore tra due stadi è di soli 75 km (tra lo stadio di Al Bayt, ad Al Khor, e lo stadio di Al Janoub ad Al Wakrah). Tifosi e giocatori resteranno sempre nello stesso alloggio e si alleneranno sempre nello stesso luogo per tutto il torneo.

2. Nessun volo interno

Tifosi, giocatori e staff non dovranno prendere alcun volo interno una volta arrivati in Qatar. Grazie all’area ridotta in cui si svolgerà l’evento, non saranno mai lontani dagli stadi, dai luoghi di allenamento o dalle attrazioni turistiche. Questo aspetto è in forte contrasto con le edizioni precedenti, in cui tifosi e giocatori spesso erano costretti a prendere l’aereo per raggiungere le sedi delle partite.

3. Certificazione Global Sustainability Assessment System (GSAS)

Ogni sede di incontri del torneo Qatar 2022 otterrà la certificazione GSAS. Il livello di sostenibilità  delle sedi verrà certificato secondo diversi parametri, compresi design, costruzione, utilizzo di energia e di risorse idriche. Ogni stadio è stato preparato per raggiungere almeno la certificazione GSAS a quattro stelle per il design e la costruzione. Lo stadio di Education City e lo stadio di Al Bayt hanno entrambi ottenuto cinque stelle.

4. Primo stadio FIFA World Cup™ completamente smantellabile

Costruito utilizzando container per spedizioni e posti a sedere rimovibili, il magnifico stadio Ras Abu Aboud fornirà un modello innovativo per le sedi future di tornei come questo. Lo stadio, che può ospitare 40.000 spettatori, è il primo nella storia della FIFA World Cup™ ad essere interamente smantellabile. Verrà completamente smontato e riutilizzato dopo l’evento, le parti verranno usate per creare strutture sportive in Qatar e all’estero. I container di spedizione usati per costruire lo stadio sono stati inizialmente impiegati per trasportare in Qatar i materiali necessari alla costruzione.

5. Riciclaggio

Per limitare l’impronta di carbonio, tutti i progetti di Qatar 2022 hanno implementato misure volte a organizzare la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro gestione in fase di costruzione. I rifiuti solidi degli stadi sono stati riciclati. Ad esempio, la maggior parte dei rifiuti generati per lo stadio Al Janoub (90%) e lo stadio Ahmad Bin Ali (84%) è stata riciclata nel corso della costruzione. I sistemi di riciclaggio continueranno ad essere attivi nelle giornate dedicate alle partite.

Dieci interventi per la riduzione dell’impronta ecologica del Qatar in vista della FIFA World Cup™
Dieci interventi per la riduzione dell’impronta ecologica del Qatar in vista della FIFA World Cup™

6. Approvvigionamento sostenibile

L’ente organizzatore del Qatar, la Supreme Committee for Delivery & Legacy, in collaborazione con la FIFA e con FIFA World Cup Qatar 2022 LLC ha creato un Codice per l’approvvigionamento sostenibile impostando gli standard minimi e i riferimenti correlati a fornitori e sponsor del torneo. In altre parole, tutti i fornitori dovranno soddisfare severi criteri ambientali.

7. Mezzi pubblici all’avanguardia

La nuova metropolitana di Doha trasporterà migliaia di tifosi per tutto il Paese durante la coppa del mondo Qatar 2022. Il sistema elettrico della metropolitana utilizza un sistema frenante a recupero d’energia che aiuta a ridurre l’impronta di carbonio. Inoltre, le stazioni hanno diverse certificazioni verdi e sono state insignite della “Green Building Certification”.

I programmi ecologici per i trasporti del Qatar si estendono anche alle auto elettriche e agli autobus. In collaborazione con KAHRAMAA, si stanno installando stazioni di ricarica in diverse località all’interno del Paese. Scooter e biciclette elettrici sono inoltre disponibili in location esterne, tra cui i parchi e la Corniche di Doha. Inoltre, una flotta di autobus elettrici verrà usata per trasportare i tifosi dal proprio alloggio alle sedi degli incontri nel 2022.

8. Un programma importante in direzione di alloggi “amici dell’ambiente” in Qatar

Offrire soluzioni di ospitalità sostenibile è una questione centrale per questo torneo. L’alloggio è una parte importante dell’esperienza dei tifosi. Attraverso una partnership con Qatar Green Building Council, questa edizione della FIFA World Cup™ promuoverà buone pratiche nel settore alberghiero per ridurre l’impatto ambientale e avere un’operatività efficiente e responsabile.

9. Messa a dimora di alberi ed ecologizzazione del Paese

Come parte dell’aspetto verde del torneo, la piantumazione di alberi ha costituito un punto fondamentale nella progettazione degli stadi. Con alberi e piante del luogo nei cortili e nei recinti degli stadi, questa campagna di rinverdimento del Paese è un’opportunità per ridurre le emissioni e consegnare un Paese più verde alle generazioni future.

10. Impianto a energia solare da 800 MW di Al Kharsa’ah

Infine, l’impianto a energia solare di Al Kharsa’ah aiuterà a ridurre l’impronta di carbonio complessiva del Paese. A 80 km a ovest di Doha, l’impianto a energia solare da 800 MW ridurrà le emissioni di ossido di carbonio limitando il consumo di gas per la produzione di energia.

Dieci interventi per la riduzione dell’impronta ecologica del Qatar in vista della FIFA World Cup™
Dieci interventi per la riduzione dell’impronta ecologica del Qatar in vista della FIFA World Cup™

Da non perdere