Passa al contenuto principale

Cosa fare

Stadi del Qatar

Stadi del Qatar

Stadio internazionale Khalifa

Le infrastrutture e i servizi all’avanguardia dello stadio multifunzionale dimostrano l’impegno del Qatar nello sport. Lo stadio è situato nel complesso Doha Sports City Home, sede di strutture sportive e di medicina sportiva, di centri di ricerca e formazione, a dimostrazione che il Qatar è una destinazione davvero a tutto tondo per chi fa sport.  

Stadi del Qatar

Stadio Al Janoub

Il design dello stadio ricorda le vele dei dau in legno del Qatar, tradizionalmente alla base di gran parte dell’economia del Paese. Lo stadio Al Janoub è una delle otto sedi che ospiteranno il campionato mondiale FIFA World Cup 2022 ed è stato progettato dall’architetta britannico-irachena Zaha Hadid. Si prevede che lo stadio verrà utilizzato come luogo destinato alla comunità locale al termine della competizione.

Stadi del Qatar

Stadio Al Thumama

Edificato per la FIFA World Cup 2022™, lo stadio Thumama è costruito a forma di copricapo locale. Lo Stadio Al Thumama prende il nome dall’area in cui sorge, la quale a sua volta lo prende da un albero che cresce nella zona. Al termine della  FIFA World Cup 2022™, la capacità dello stadio verrà dimezzata e la struttura sarà utilizzata come complesso multifunzionale per attività ricreative.  

Stadi del Qatar

Stadio di Education City

Soprannominato il “diamante del deserto” per via del suo aspetto, lo stadio di Education City è stato inaugurato a giugno del 2020. Circondato dai campus universitari del complesso Education City della Qatar Foundation, lo stadio ha la forma di un diamante irregolare e ospiterà la FIFA World Cup 2022™. 

Stadi del Qatar

Stadio Al Bayt

Dal design che ricorda una tenda tradizionale beduina, lo stadio Al Bayt ospiterà la partita di apertura della FIFA World Cup 2022 Qatar 2022TM. La prima partita del primo campionato FIFA World Cup 2022™,  mai disputatosi in Medio Oriente, verrà disputata in uno stadio dalle forme davvero famigliari. L’Al Bayt è stato costruito con una forma che ricorda una tradizionale tenda beduina, “bayt al sha’ar”, un simbolo di ospitalità nel deserto in cui gli ospiti provenienti da lontano vengono accolti e invitati a rilassarsi e a conoscere la gente del posto.