Passa al contenuto principale

Cosa fare

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar

Il Qatar è disseminato di edifici impressionanti e strutture futuristiche progettate da architetti locali e famosi in tutto il mondo. Il Paese si è trasformato in un centro architettonico dinamico e ha decisamente cambiato il suo volto.

Ibrahim M. Jaidah, CEO e capo architetto del gruppo Arab Engineering Bureau, ci parla del suo lavoro stimolante e presenta la scena architettonica del Qatar.

 

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar

Vi presentiamo Ibrahim Jaidah

Sono nato in Qatar, in una zona vicino al Souq Waqif. A 11-12 anni ho frequentato un collegio britannico e poi ho studiato negli Stati Uniti. Sono stato esposto a diverse culture sin dalla giovane età. Ho anche viaggiato molto con i miei genitori, perciò ho iniziato a girare per il mondo da giovanissimo, e ho svolto diversi lavori un po’ ovunque: in Asia, in Europa, in Africa e ho lavorato alla realizzazione delle ambasciate nello Stato del Qatar. 

Essere esposto a tutte queste culture ha un valore inestimabile. Influenza il modo in cui vedi la tua cultura. Scoprendo nuove culture riesci ad apprezzare molto di più la tua e a capirla ancora meglio: questo ti dà la capacità di trasmettere la tua cultura alle persone in visita.

Abbiamo tutti diverse origini e culture, ma molto ci accomuna. Il Qatar è un Paese molto eterogeneo che apprezza le culture diverse. Un Paese che sa come dare il benvenuto al mondo.

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar

Arab Engineering Bureau (AEB)

L’Arab Engineering Bureau (AEB) è stato il primissimo studio a essere fondato nello Stato del Qatar; nel 1966 lo studio ha ricevuto i diritti per praticare. Quando sono tornato dall’America negli anni ‘90, lo studio stava per chiudere. L’ho acquisito e, insieme al mio team, il nostro organico è passato da sei a 600 persone. Ora ho una sede in Oman e a Manila.

Siamo stati nominati per il premio Aga Khan per l’architettura, un premio molto prestigioso; è stato un grande onore. Abbiamo vinto il premio Arab Towns Organization e il premio Organization of Islamic Capitals and Cities. Lo studio ha ricevuto anche molti altri riconoscimenti nella regione.

I progetti più importanti di Ibrahim Jaidah in Qatar

Indipendentemente dalla portata, tutti i progetti hanno un posto speciale nel mio cuore, anche i più piccoli. Uno dei miei edifici a molti piani, la Al Barzan Tower di West Bay, ha rappresentato un grande traguardo e in esso ho saputo riunire elementi moderni e tradizionali. Questo edificio ha ricevuto un grande riconoscimento perché è stato uno dei primi edifici della West Bay. Altri luoghi che sono stati significativi sono l’Al Sharq Village & Spa, che abbiamo trasformato in un resort a cinque stelle operativo, il Ministry of Interiors, un edificio iconico, e, infine, la ristrutturazione della Doha Fire Station

  • Alla scoperta della scena architettonica in Qatar
    MARSA MALAZMARSA MALAZ KEMPINSKI
  • Alla scoperta della scena architettonica in Qatar
    MARSA MALAZ KEMPINSKI
  • Alla scoperta della scena architettonica in Qatar
    SHARQ VILLAGE & SPA
  • Alla scoperta della scena architettonica in Qatar
    BURJ ALFARDAN

È un viaggio fantastico e ogni edificio racconta una storia. Quando li vedo ricordo tutto: le sfide da superare, le loro storie.  

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar
Ibrahim M. Jaidah CEO e capo architetto del gruppo AEB

Il viaggio architettonico: dall’idea alla realizzazione

Il processo inizia con l’entusiasmo dei clienti. Lascio che spieghino quello che hanno in mente. È necessario capire i loro bisogni. Poi l’ispirazione arriva dal sito stesso; è un progetto nel deserto? O in centro? 

Successivamente è necessario fare una ricerca approfondita e un brainstorming assieme al team. Quello che cerchiamo sempre di fare è trovare delle idee che creino un’emozione. Non vogliamo creare una “contenitore” che si limiti a essere idoneo al suo scopo. Una volta raccontata la nostra storia al cliente, il viaggio inizia. I passaggi successivi prevedono la gestione delle procedure ingegneristiche e meccaniche; dobbiamo pensare proprio a tutto. Ma è davvero fantastico osservare tutte queste persone e team diversi che lavorano insieme verso la stessa visione. 

È l’ambiente stesso a ispirarmi. La sfida rappresentata dal cliente, la storia che vuoi raccontare, la competizione… questo è lo spirito del nostro lavoro! Avete mai notato che alcuni edifici sono “freddi”, non hanno un’anima? Si sente. Noi cerchiamo di infondere calore, energia. 

Inoltre, una grande fonte di ispirazione sono le persone che incontro. Le conosci e devi capirle a fondo per soddisfare ciò che chiedono. Ad esempio, ogni volta che lavoro all’edificio di un’ambasciata, devo capire la cultura della nazione; è davvero stimolante. 

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar
Ibrahim M. Jaidah CEO e capo architetto del gruppo AEB

Stadio Al Thumama

Sono stato fortunato ad avere la possibilità di competere per questo progetto fantastico in mezzo a team di tutto il mondo; la ricerca che ho dovuto fare, selezionare i motivi, lavorare sul design di interni… è stato affascinante. Abbiamo lavorato con consulenti da tutto il mondo ed è stato un percorso fantastico e anche divertente! Il giorno dell’apertura ho provato un’emozione che non dimenticherò mai. 

Sfide e nuovi approcci

Torniamo indietro nel tempo: quando ho aperto lo studio, in pochi erano abituati a vedere architetti locali lavorare a dei progetti. Le persone collaboravano con architetti di tutto il mondo, ma non del Qatar. Ho impiegato diversi anni a dimostrare che potevo lavorare bene tanto quanto architetti provenienti da altre zone del mondo o anche meglio, dato che conoscevo bene la cultura locale.

Anche gestire un’impresa di successo rappresenta una sfida. Puoi essere molto creativo quando ti occupi dei progetti, ma gestire un’attività è un’altra storia. Devi avere dei profitti, pagare le bollette, fare in modo che i tuoi dipendenti siano soddisfatti. Devi trovare un equilibrio tra l’approccio emotivo e quello commerciale. 

Nuove tecnologie, innovazione, sostenibilità, edifici “green”

Qui la sfida maggiore è rappresentata dall’uso intelligente di nuovi strumenti: è necessario comprendere ogni ambiente e implementare le giuste tecnologie.

La sostenibilità è fondamentale e il Qatar si è mosso molto in questa direzione. Tutti i nostri stadi sono sostenibili, il loro consumo di acqua è minore del 40% rispetto agli stadi di qualsiasi altra città. Come fondatore del Qatar Green Council, devo dire che dobbiamo stare attentissimi a come trattiamo l’ambiente. La nostra priorità dovrebbe essere proteggerlo. Il Qatar ha implementato alcune ottime misure al riguardo, stabilendo quali materiali usare, e quando un edificio è conforme alle necessità dell’ambiente riceve ottimi incentivi. 

 

"Dobbiamo proteggere i nostri figli e la prossima generazione"

La scena architettonica attuale e futura del Qatar

Il Qatar è diventato una fantastica città architettonica che presenta dei veri e propri capolavori, quali gli stadi, Pearl-Qatar, i musei e Msheireb Downtown. Presenta un nuovo linguaggio architettonico. Credo che gli studenti di architettura e design dovrebbero venire qui e fare un giro, perché la città sta davvero lasciando il segno in questo campo.

Il Paese sta sviluppando gran parte della pianificazione prevista per le città; tutte le organizzazioni coinvolte lavorano per rendere Doha una città percorribile a piedi e attraverso percorsi in bicicletta.

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar

I miei posti preferiti in Qatar

Amo il mare e amo andare sulle isole. I miei luoghi preferiti sono Al Safliya, l’isola di fronte a West Bay e Al Aaliya, di fronte a Lusail. Mi piace fermarmi la notte e ammirare le fantastiche viste notturne sulla città. Ad Al Aaliya è possibile anche avvistare fenicotteri durante le migrazioni. Mi piace anche andare nel deserto. 

Alla scoperta della scena architettonica in Qatar

Una storia antica

Ricordo che la nostra casa era vicina ad Amiri Diwan e le cose erano davvero semplici all’epoca. Nei weekend andavamo ai giardini a giocare e raccogliere la frutta.  

I nostri curatori

  1. Foto profilo di Elmira Kahrobaie

    Elmira Kahrobaie

    Luxury blogger
    Avventure
    Leggi di più su Elmira Kahrobaie
  2. Foto profilo di Muna Al-Bader

    Muna Al-Bader

    Artista, Art Ambassador
    Arte e cultura
    Leggi di più su Muna Al-Bader
  3. Foto profilo di Noor  al Mazroei

    Noor al Mazroei

    Chef
    Cibo e bevande
    Leggi di più su Noor al Mazroei
  4. Foto profilo di Rachel Morris

    Rachel Morris

    Food blogger
    Cibo e bevande
    Leggi di più su Rachel Morris
  5. Foto profilo di Mashel Al Naimi

    Mashel Al Naimi

    Pilota motociclistico
    Sport
    Leggi di più su Mashel Al Naimi